Visioni - "Miami Vice" (2006)

September 16, 2016

 

Non furbo make-up della acclamata serie-tv trasmessa dalla NBC (primo episodio: 1981) ma manifesto estetico ad alta definizione della confusione nell’era tecnologica, Miami Vice è lo spettacolo vertiginoso di una telecamera “undercover” intrappolata in una trama-inchiesta che si dipana da una Miami fascinosa.

 

Il regista Micheal Mann (già produttore della serie tv) non ci pensa proprio a fare ammenda del suo virtuosismo esibito.

 

Anzi, rialza la posta: se la serie cult aveva fatto da apripista agli altri telefilm successivi nello sfruttamento di tecniche prettamente cinematografiche (fotografia, luci, montaggio, musica), la pellicola attualmente sugli schermi sottopone a doping la libertà espressiva e disinnesca la linearità narrativa del genere poliziesco maneggiando uno stile eterogeneo e spiazzante. 

 

L’intensità formale disorienta, i detective in incognito se la devono vedere con un ritmo che diventa progressivamente più frenetico, il videoclip vince sulla storia, i fotogrammi scorrono forsennati. E io rispettosamente vado in trance. Lisergico.

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Featured Posts

Blue Yellow, my band

September 12, 2016

1/1
Please reload

Recent Posts

February 25, 2020

February 4, 2020

January 21, 2020

January 21, 2020

Please reload

Search By Tags
Please reload

Follow Us
  • Facebook Classic
  • Twitter Classic
  • Google Classic

FOLLOW ME

  • Facebook Social Icon
  • Twitter Social Icon
  • YouTube Social  Icon

© 2023 by Samanta Jonse. Proudly created with Wix.com