Visioni - "We need girlfriends"

September 29, 2016

 

Tre ragazzi americani, creatività, problemi di cuore. E una serie inizialmente trasmessa sfruttando le piattaforme free come You Tube e MySpace.

 

Steven Tsapelas, Brian Amyot e Angel Acevedo, hanno fatto il colpaccio, realizzando “We need girlfriends”, con l’idea (azzeccata) di narrare le vicissitudini di giovani maschi alle prese con le donne. 

 

La distanza fra i sessi, la difficoltà e la ricerca di contatto, di legame, di intimità, in una parola, la solitudine in cerca di riscatto, si è rivelata un argomento tanto forte da far presa non solo sui giovanissimi, ma anche sui giovani adulti, che costituiscono poi la grande fetta del popolo che segue le serie.

 

Magari laureati che, alle difficoltà di inserimento nel mondo del lavoro, uniscono quelle sempre più evidenti nell’approdo ad una vita affettiva solida e duratura.

 

Situazione che conosce bene chi ci si trova dentro, capace di raccontarla con tutte le contraddizioni e i paradossi del caso, che rischiano invece di sfuggire alle generazioni maschili precedenti, con altre storie e altre sicurezze.

 

Dopo Sex and the City, serie di successo sulla sessualità femminile newyorkese libera e fantasiosa, "We need girlfriends" mi pare la risposta che questi tre moschettieri postmoderni danno, mettendo al centro della loro vita la parola magica, custode di un sempre più marcato (almeno così pare) idem sentire: “bisogno di fidanzate”. 

 

Mah.

 

 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Featured Posts

Blue Yellow, my band

September 12, 2016

1/1
Please reload

Recent Posts

November 8, 2019

October 23, 2019

Please reload

Search By Tags
Please reload

Follow Us
  • Facebook Classic
  • Twitter Classic
  • Google Classic

FOLLOW ME

  • Facebook Social Icon
  • Twitter Social Icon
  • YouTube Social  Icon

© 2023 by Samanta Jonse. Proudly created with Wix.com