Atlante, Atlantide, numeri e fantasia

October 2, 2016

 

Si parla molto in questi ultimi tempi del Fondo Atlante, il "fondo alternativo di investimento formalmente privato, nato sotto impulso del governo italiano per intervenire nelle crisi bancarie provocate dalla grossa quantità di NPL detenuti dagli istituti sostenendo la loro ricapitalizzazione e rilevando i crediti in sofferenza" (Wikipedia)

 

Le banche navigano in cattive acque e il fondo salva-banche nello scorso agosto ha fatto il bis: il fondo Atlante 2 continua la sua infaticabile attività di raccolta, puntando ad arrivare a 3 miliardi circa entro il termine ultimo per la sottoscrizione fissato dal regolamento al 31 luglio 2017.

 

Inevitabilmente, Atlante mi fa venire in mente l'isola di Atlante, o Atlantide che dir si voglia.

 

Atlantide, gigantesco continente inabissato sulle acque dell’Oceano Atlantico, metafora leggendaria di un’isola perduta, civiltà ideale che ha fatto versare fiumi e fiumi di inchiostro...l'economia ha scippato un nome piuttosto impegnativo!

 

Atlantide è kerosene per l’immaginazione e il suo mito, su cui il buon Platone ha fatto la parabola più convincente delle sue idee politiche (vedi alla voce dialoghi “Timeo” e “Crizia”).

 

Ha fornito un bel po' di spunti e scenari a scrittori e sceneggiatori in epoca moderna e contemporanea, tanto da conquistarsi il primato di archetipo culturale più saccheggiato dalla fiction.

 

Un luogo misterioso dalla dubbia collocazione è infatti un perfetto contenitore in cui racchiudere storie fantastiche o fiabesche, e difatti rintracciare gli influssi del suo mito fra le pagine dei libri o le immagini del piccolo e grande schermo assume quasi il contorno di una missione speciale (vissuta magari a bordo del Nautilus, il sommergibile di Capitan Nemo del classico della fantascienza di Jules Verne “Ventimila leghe sotto i mari” in cui è contenuta una visita proprio alle rovine sommerse di Atlantide).

 

La contraddizione che Atlantide porta iscritta nel suo mito (il sogno del meraviglioso che si coniuga al senso di una perdita bruciante) solletica malinconie mai sopite e rinverdisce curiosità intellettuali mai paghe.

 

Tanto che Atlantide ha attirato come una calamita l’arte come la scienza (dettagliate ricostruzioni cartografiche di archeologi e studiosi fanno il paio con mappe immaginarie inventate ad hoc). E il confine fra una realtà da riscoprire e una viceversa tutta da vagheggiare viene percorso da lettori e spettatori, a seconda dei casi, con fiduciosa baldanza oppure con timorosa circospezione.

 

Ad intrigare è l’enigma di una fine catastrofica. Ma un po' anche inorgoglisce il pensiero l'idea di un tempio galleggiante di pace e giustizia.

 

E infine irretisce la mente la brevità del tempo in cui qualcosa di enorme sarebbe stato inghiottito dall’oblio.

 

Viziano la fantasia i tanti colori e le tante forme che un’idea ampiamente saccheggiata nella storia hanno assunto nel corso della sua centenaria elaborazione.

 

A dirla tutta, oggi, cioè in un epoca piena zeppa di quelli che Marc Augé ha definito come non-luoghi, il luogo per eccellenza – reale o simbolico che sia – rappresenta quasi una vacanza irrinunciabile dalla precarietà e dalle non relazioni che ci assediano da ogni lato.

 

E non è un caso che anche le banche pensino ad Atlante come ad un fondo sicuro per non affogare.

 

E però, però. Atlantide sintetizza, con una forza evocativa a tutt’oggi non uguagliata, l’inafferrabilità di un desiderio di pacificazione mai raggiunto.

 

Ed è quasi imbarazzante l’istantaneità con cui con un semplice click – attraverso Wikipedia - saltano in superficie, sullo schermo del pc – schedate meticolosamente per media – tutte le storie e le narrazioni a cui Atlantide ha dato origine.

 

Nei fumetti, nel cinema, in letteratura, in televisione.

 

Un elenco di nomi e titoli lunghissimo che rende l’operazione/viaggio di scoperta degli influssi di Atlantide nell’immaginario – confessiamolo senza pudori – davvero un gioco da ragazzi. 


Come non cominciare infatti, nell’atto di snocciolare neanche fosse un rosario opere ed operette varie a cui Atlantide ha dato origine, con il videogioco di avventura “Indiana Jones e il destino di Atlantide” della LicasAsts?

 

L’interattività garantita dal videogioco supplisce evidentemente la secolare frustrazione a cui la perdita di un ideale sembra condannarci. E la riscatta grazie al corpo muscoloso dell’archeologa che tutti amiamo Lara Croft, la quale nella saga di Tomb Raider si trova pure alle prese con un oggetto magico nascosto proprio ad Atlantide.

 

Roba da bambini non cresciuti, dirà chi, a scorrere l’elenco suddetto, al massimo indugia alla voce grande cinema, quello che attinge a piene mani dalla letteratura (è il caso del romanzo divenuto celebre, l’Atlantide, di Pierre Benoit, 1919, che è stato ripreso in varie pellicole, fra cui la più famosa è quella di Jacques Feyder, 1921 ma anche dalla versione del 1932 di Georg Wilhelm Pabst; e come non pensare poi anche a The Little Mermaid della Disney, 1989, basato sulla favola di Hans Christian Andersen, dove riecheggia il mito dell’isola fra le creature fantastiche di un colorato quanto stravagante fondale marino?).

 

Non certo lo dirà chi, con una invidiabile goduria, non si è lasciato scappare neppure uno degli appuntamenti della saga della Trilogia de “Il Pirata dei Caraibi” di Gore Verbinski (dove ad essere perduto è più probabilmente il talento di Johnny Depp che non il mito inabissato fra gli effetti speciali di battaglie spettacolari).

 

Chi di cinema se ne intende pensa piuttosto a “L’Atlantide” di Gregg C. Tallas (1948), a Lost Continent di Sam Newfield (1951), e ad altro genere di pellicole: da “Atlantide, il continente perduto” di George Pal (1961) fino a “The Abyss” di James Cameron (1989) e “L’isola degli uomini pesce” di Sergio Martino (1979) o “Ultimo rifugio: Atlantide” di Kenji Fukasaku (1980).

 

Chi paga il biglietto per andare a vedere su grande schermo un film come “Atlantis – L’impero perduto” prodotto dalla Disney (2001) è con ogni probabilità un affezionato lettore di Martin Mystere, il detective dell’impossibile ideato da Alfredo Castelli per la Bonelli; con buone probabilità ha letto almeno una volta nella vita Hugo Pratt (che nel suo Corto Maltese ha affrontato il mito di Atlantide correlandolo al mito di Mu); e senza dubbio si è sciroppato – da solo o in compagnia – la serie tv “L’uomo di Atlantide” (1977-1978), o “Il segreto del Sahara” (1988), miniserie di coproduzione italiana, oppure ancora “Il mistero della pietra azzurra”, serie anime della Gainax. E magari ha anche letto della caduta dell’Isola di Numeror ne “Il Silmarillion” (1977) di Tolkien.


Atlantide è un continente così esteso che i segmenti di immaginario che ne intercettano la traiettoria sono diversissimi. A volte dialogano fra di loro, altre volte neppure si sfiorano (il lettore del romanzo di “Aelita” di Aleksej Nikolaevic Tolstoj è poco probabile che ami anche “Il codice di Atlantide” di Stel Pavlou (2001). 


La fuga nell'immaginario è la parentesi di questa domenica, orfana di letture di economia.

 

 

 

 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Featured Posts

Blue Yellow, my band

September 12, 2016

1/1
Please reload

Recent Posts

November 8, 2019

Please reload

Search By Tags
Please reload

Follow Us
  • Facebook Classic
  • Twitter Classic
  • Google Classic

FOLLOW ME

  • Facebook Social Icon
  • Twitter Social Icon
  • YouTube Social  Icon

© 2023 by Samanta Jonse. Proudly created with Wix.com