I reietti del nostro pianeta

February 23, 2017

 

Impossibile in questi giorni non pensare e ripensare alla scoperta degli esopianeti simili alla Terra a cui guardiamo con commosso stupore o, come ha detto qualcuno, "felice ingenuità", stuzzicando di nuovo l'immaginazione su altre forme di vita oltre quella terrestre. 

 

La fantascienza torna d'un colpo alla ribalta, gli scienziati e gli umanisti vengono interpellati in coppia da giornali e tivù. 

 

Nuovi spazi mentali si aprono per alimentare la meraviglia verso l'ignoto. 

 

Per un breve intervallo, solleviamo lo sguardo dai nostri drammi quotidiani e osserviamo il cielo. "Choc culturale": questo sarebbe il nome esatto se, dalla imprevedibile "lotteria galattica", saltassero fuori vite su altri pianeti. 

 

Non vogliamo essere soli. 

 

 Fra i libri di fantascienza (bellissimi) che costellano la storia del genere, mi piace citare un bellissimo testo di Ursula K. Le Guin "I reietti dell'altro pianeta" , in un'epoca in cui "muro" è uno dei vocaboli più ricorrenti...

 

 

"C'era un muro... Come ogni altro muro, anch'esso era ambiguo, bifronte. Quel che stava al suo interno e quel che stava al suo esterno dipendevano dal lato da cui lo si osservava."

 

 

 

 

 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Featured Posts

Blue Yellow, my band

September 12, 2016

1/1
Please reload

Recent Posts

March 13, 2020

February 25, 2020

Please reload

Search By Tags
Please reload

Follow Us
  • Facebook Classic
  • Twitter Classic
  • Google Classic

FOLLOW ME

  • Facebook Social Icon
  • Twitter Social Icon
  • YouTube Social  Icon

© 2023 by Samanta Jonse. Proudly created with Wix.com