E la nave va

June 21, 2017

 

“e perché lasciarmi veleggiare in mare, quando mi senti così chiaramente?”, le parole sono di Nick Drake.

 

Eppure trovo che questo video - una nave che viene mossa lentamente dalle onde mentre i colori di sfondo si fanno più saturi - accompagni benissimo la voce dolcissima e disperata di Drake, che nell'ultima fase della sua brevissima vita si lasciò andare a un galleggiamento solitario e doloroso.

 

La sua musica è ancora una carezza per molti giovani che trovano nei suoi versi duri e delicati una sorta di consolazione che ha in dono la verità dell'arte, come emerge bene dal documentario "A Skin Too Few" a lui dedicato.

 

Un ragazzo sensibilissimo nato con una pelle troppo sottile per un mondo forse eccessivamente brusco e avaro di sentimenti elevati. 

 

Una famiglia comprensiva, molto comprensiva, finisce per essere una prigione per una intelligenza come la sua, che nella casa vide un rifugio ma nello stesso tempo qualcosa di estraneo, che non gli apparteneva fino in fondo.

 

Non riuscire a comunicare attraverso la musica con chi per lui era importante fu l'inizio di una strada in discesa, fatto di isolamento, mutismo, rassegnazione.

 

Gli altri che ti considerano un genio, e tu che percepisci di essere un totale fallimento.

 

Ma la musica continuò a venire fuori, a spingerlo avanti, a farlo vivere e morire, e viceversa, "fino alla fine del giorno"...

 

 

 

 

 

 

 

 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Featured Posts

Blue Yellow, my band

September 12, 2016

1/1
Please reload

Recent Posts

November 8, 2019

October 23, 2019

October 8, 2019

Please reload

Search By Tags
Please reload

Follow Us
  • Facebook Classic
  • Twitter Classic
  • Google Classic

FOLLOW ME

  • Facebook Social Icon
  • Twitter Social Icon
  • YouTube Social  Icon

© 2023 by Samanta Jonse. Proudly created with Wix.com